Marzo 1, 2024

Primo rapporto di isolamento riuscito di una variante simile all’HPR0 del virus dell’anemia infettiva del salmone (ISAV) mediante coltura cellulare

ISAV è l’agente eziologico dell’anemia infettiva del salmone (ISA), una malattia elencata dall’OIE che ha causato importanti perdite economiche all’industria del salmone atlantico (Salmo salar). Le varianti ISAV sono identificate come patogene o non patogene in base alla presenza o assenza di una delezione nella regione altamente polimorfica (HPR) del segmento 6 (S6). Le varianti HPRΔ (patogene) sono le uniche forme del virus note per crescere in coltura cellulare. Questa è la prima segnalazione di una variante HPR0 isolata in coltura cellulare.
L’isolato è, tuttavia, atipico in quanto mostra un marker di varianti virulente su un altro segmento (S5), che non è mai stato riportato per nessun’altra variante HPR0. Il significato di questa scoperta rimane poco chiaro fino a quando non viene svolto un lavoro più approfondito, ma mette in discussione le conoscenze attuali.
Parole chiave: Salmo salar; CHIEDI; HPR0; ISAV; SHK-1; isolamento del virus.

Le alterazioni circadiane aumentano con la progressione in un modello di coltura cellulare derivato dal paziente del cancro al seno

 

L’interruzione del ritmo circadiano può provocare lo sviluppo di varie malattie, incluso il cancro al seno. Sebbene gli studi abbiano utilizzato linee cellulari per studiare le correlazioni tra ritmi circadiani alterati e cancro, questi modelli hanno background genetici diversi e non rispecchiano i cambiamenti che si verificano con lo sviluppo della malattia. I modelli cellulari isogenici possono ricapitolare i cambiamenti durante la progressione del cancro.

Quindi, in questo studio, un modello di cancro al seno derivato dalla paziente, la serie 21T, è stato utilizzato per valutare i cambiamenti delle oscillazioni circadiane della trascrizione della proteina dell’orologio centrale mentre le cellule passano da uno stato normale a uno stato maligno. Sono state utilizzate tre linee cellulari: H16N2 (epitelio mammario normale), 21PT (iperplasia duttale atipica) e 21MT-1 (carcinoma metastatico invasivo). Le cellule cancerose sono entrambe HER2+. Abbiamo valutato i profili trascrizionali di due proteine core clock, BMAL1 e PER2, che rappresentano un componente positivo e negativo dell’oscillatore molecolare. Nelle normali cellule H16N2, entrambi i geni possedevano oscillazioni ritmiche dell’mRNA con periodi e fasi vicini allo standard.

Tuttavia, nelle cellule cancerose sono stati osservati cambiamenti consistenti: entrambi i geni avevano periodi che deviavano più lontano dal normale e non avevano una relazione antifase. In futuro, dovrebbero essere intrapresi studi meccanicistici per determinare i cambiamenti oncogeni responsabili delle alterazioni circadiane riscontrate.

Esperienza incrementale in coltura primaria in vitro di cellule endoteliali arteriose polmonari umane raccolte da Si-Ganz cateteri arteriosi polmonari

L’ipertensione arteriosa polmonare (PAH) è una condizione devastante che colpisce la parete microvascolare polmonare e l’endotelio, con conseguente ostruzione parziale o totale. Nonostante una combinazione di costose terapie vasodilatatrici, la mortalità rimane elevata. Approcci terapeutici personalizzati, basati sull’accesso al materiale del paziente per svelare le specificità del paziente, potrebbero far progredire il campo. Recentemente è stata descritta una tecnica innovativa che prevede la raccolta di cellule endoteliali dell’arteria polmonare (PAEC) al momento della diagnosi. Lo scopo del presente studio era di mettere a punto la tecnica iniziale e di fenotipizzare l’evoluzione delle sottocolture in vitro di PAEC.

I PAEC sono stati prelevati da cateteri arteriosi polmonari di Swan-Ganz durante la diagnostica di routine o il cateterismo di follow-up del cuore destro. I PAEC raccolti sono stati fenotipizzati mediante citometria a flusso e immunofluorescenza concentrandosi su marcatori endoteliali specifici. Evidenziamo la capacità di raccogliere i PAEC dei pazienti e di mantenerli fino a 7-12 sottocolture.

Tracciando il fenotipo endoteliale, abbiamo osservato che i PAEC potrebbero mantenere un fenotipo endoteliale per diverse settimane in coltura. Il presente studio evidenzia l’opportunità unica di ottenere subcolture omogenee di PAEC primari dai pazienti alla diagnosi e al follow-up. Inoltre, apre prospettive promettenti per quanto riguarda la medicina di precisione su misura per i pazienti affetti da malattie vascolari polmonari rare.

Gli effetti dell’irradiazione di luce viola e blu sui patogeni ESKAPE e sulle cellule umane in presenza di terreni di coltura cellulareI

batteri appartenenti al gruppo dei patogeni ESKAPE sono responsabili della maggior parte delle infezioni nosocomiali. A causa dell’aumento della resistenza agli antibiotici, le strategie terapeutiche alternative sono di grande rilevanza clinica. In questo contesto la luce visibile come tecnica di disinfezione rappresenta un’opzione interessante in quanto i patogeni microbici possono essere inattivati senza adiuvanti. Tuttavia sono stati riportati anche effetti citotossici della luce visibile sulle cellule ospiti. Abbiamo confrontato la citotossicità dell’irradiazione di luce viola e blu sulle cellule monocitiche THP-1 e dell’epitelio alveolare A549 con l’effetto di inattivazione sui patogeni ESKAPE.

Le cellule THP-1 hanno mostrato una maggiore suscettibilità all’irradiazione rispetto alle cellule A549 con i primi effetti citotossici che si sono verificati a 300 J cm -2 (405 nm) e 400 J cm -2 (450 nm) rispetto a 300 J cm -2 e 1000 J cm -2 , rispettivamente. Potremmo definire condizioni in cui una riduzione significativa delle unità formanti colonie per tutti i patogeni ESKAPE, ad eccezione di Enterococcus faecium, è stata ottenuta a 405 nm evitando la citotossicità. L’irradiazione a 450 nm ha dimostrato un effetto più variabile che dipendeva dalla specie e dal mezzo. In sintesi, si potrebbe ottenere una riduzione significativa dei batteri vitali a dosi di irradiazione subtossiche, supportando un potenziale uso della luce visibile come agente antimicrobico in contesti clinici.

Coltura primaria e identificazione di cellule endoteliali microvascolari glomerulari di ratto

Lo scopo del presente studio era stabilire un metodo semplice ed efficiente per l’isolamento e la coltura di cellule endoteliali microvascolari glomerulari primarie di ratto in vitro. I reni bilaterali sono stati prelevati da ratti Sprague-Dawley di 7-10 giorni e la corteccia renale è stata separata. I glomeruli sono stati ottenuti tagliando e passando continuamente setacci da 200 e 300 maglie. Dopo la digestione con collagenasi di tipo IV per 15-20 minuti, i globuli microvascolari renali sono stati raccolti per l’inoculazione e la coltura. Le cellule in coltura sono state identificate mediante osservazione della morfologia cellulare e colorazione immunocitochimica con antigene correlato al fattore VIII.

I risultati hanno mostrato che i globuli microvascolari renali erano irregolarmente sferici, senza cisti, e la struttura dell’ansa capillare era chiara; dopo 3 giorni di coltura primaria, brevi cellule fusiformi strisciavano attorno ai globuli microvascolari renali e formavano gradualmente colonie cellulari, mostrando una distribuzione a “forma a isola”; 4-5 giorni dopo, le colonie cellulari si fusero tra loro; 6 giorni dopo, le celle coprivano il fondo del piatto, mostrando una tipica disposizione a mosaico monostrato, simile a una pietra per lastricati.

La colorazione immunocitochimica dell’antigene correlato al fattore VIII ha mostrato che il citoplasma era leggermente colorato di rosso brunastro e il tasso di cellule positive all’antigene correlato al fattore VIII era quasi del 100%. I risultati di cui sopra suggeriscono che questo studio ha stabilito con successo un metodo che combina lo screening continuo e la digestione con collagenasi per la coltura di cellule endoteliali microvascolari glomerulari primarie di ratto in vitro. Fornisce un importante strumento cellulare per studiare il meccanismo dell’insorgenza e dello sviluppo della nefropatia diabetica.

 

Pluronic F-68, 10% Sol, Cell Culture tested

CA072-010 GenDepot 100ml 105.6 EUR

Probenecid *Cell culture tested* *CAS 57-66-9*

20060-10x72mg AAT Bioquest 10x72 mg 86 EUR

D-Glucose Monohydrate (Dextrose). cell culture tested - 500g

PM-T1730/500 Biosera France - Medical Scientific Equipment 500g 16.5 EUR

Pectinase, Plant Culture Tested

PCT1519-100KU EWC Diagnostics 1 unit 20.01 EUR

Pectinase, Plant Culture Tested

PCT1519-25KU EWC Diagnostics 1 unit 10.08 EUR

Pectinase, Plant Culture Tested

PCT1519-300KU EWC Diagnostics 1 unit 20.01 EUR

Pectinase, Plant Culture Tested

PCT1519-50KU EWC Diagnostics 1 unit 12.6 EUR

Pectinase, Plant Culture Tested

PCT1519-5KU EWC Diagnostics 1 unit 6.93 EUR

Rifampicin, Plant Culture Tested

PCT1119-1G EWC Diagnostics 1 unit 10.42 EUR

Pectolyase, Plant Culture Tested

PCT1520-100MG EWC Diagnostics 1 unit 263.19 EUR

Pectolyase, Plant Culture Tested

PCT1520-25MG EWC Diagnostics 1 unit 82.22 EUR

Dimethyl Sulfoxide, Cell culture tested, >99.7% , 0.2um filtered

D2680-010 GenDepot 100ml 246 EUR

Dimethyl Sulfoxide, Cell culture tested, >99.7% , 0.2um filtered

D2680-001 GenDepot 10ml 100.8 EUR

Dimethyl Sulfoxide, Cell culture tested, >99.7% , 0.2um filtered

D2680-002 GenDepot 25ml 133.2 EUR

Carbendazim, Plant culture tested

PCT1121-1G EWC Diagnostics 1 unit 30.59 EUR

Carbendazim, Plant culture tested

PCT1121-25G EWC Diagnostics 1 unit 196.82 EUR

Carbendazim, Plant culture tested

PCT1121-5G EWC Diagnostics 1 unit 122.9 EUR

Campesterol, Plant Culture Tested

PCT1523-10MG EWC Diagnostics 1 unit 435.19 EUR

Campesterol, Plant Culture Tested

PCT1523-5MG EWC Diagnostics 1 unit 290.09 EUR

Insulin, Human Recombinant, Cell culture tested, from E.coli

I4500-025 GenDepot 25mg 522 EUR

Insulin, Human Recombinant, Cell culture tested, from E.coli

I4500-101 GenDepot 1g 5406 EUR

Insulin, Human Recombinant, Cell culture tested, from E.coli

I4500-250 GenDepot 250mg 1226.4 EUR

D-Glucose Monohydrate (Dextrose). cell culture tested - kg

PM-T1730/1000 Biosera France - Medical Scientific Equipment kg 30.58 EUR

Erythromycin, Plant Culture Tested

PCT1123-1G EWC Diagnostics 1 unit 6.93 EUR

Erythromycin, Plant Culture Tested

PCT1123-25G EWC Diagnostics 1 unit 111.99 EUR

Erythromycin, Plant Culture Tested

PCT1123-5G EWC Diagnostics 1 unit 24.91 EUR

Brassinolide, Plant Culture Tested

PCT1522-10MG EWC Diagnostics 1 unit 367.44 EUR

Brassinolide, Plant Culture Tested

PCT1522-50MG EWC Diagnostics 1 unit 1322.76 EUR

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.